Un archivio, una mostra, un video

ottobre 25, 2012

Un archivio, una mostra, un video . Un video che promuove una mostra che si chiama “L’ingegnere e la città”; che è una antologia di documenti sapientemente ricavata da un gran bell’archivio, quello della città di Voghera.

Il filmato, meno di un quarto d’ora di parole e di immagini di mappe, fotografie e disegni, è assemblato con garbo, professionalità, misura. Godibilissimo.

I documenti raccontano il cambiamento di una città, tra la fine dell’Ottocento e i primi del successivo. Uno scorcio della nostra storia patria quando ancora pareva di vivere in un paese giovane e carico di energia.

Succede, come detto, a Voghera grazie alla ottima collega Natalia alla cui cura è affidato l’archivio civico. E civico, in questo caso più che mai, non è solo un attributo istituzionale.


I settentacinque colpi.

ottobre 9, 2012

Mantova aprile 1792, la storiaccia è cominciata quasi per caso.

Una compagnia di giovani ebrei, a spasso per la città, si trova a battibeccare con alcuni operai cristiani. Che mal digeriscono la sfrontatezza giudea e organizzano una spedizione punitiva. A cui segue una ritrorsione dalla parte avversa. Che da vita a una controritorsione. E volano sassi. E una folla inferocita tenta di buttar giù le porte del ghetto per regolare i conti col fuoco. In un crescendo  assurdo. Solo apparentemente assurdo. Settantacinque colpi mettono fine a questa follia collettiva.

La cornice è Mantova, nobile dama carica di acciacchi e di gloria passata, che non è più la capitale dei Gonzaga ma il modesto capoluogo di una delle tante provincie dell’Impero. Una città caserma dove si coltiva il livore.

La storia del tumulto antiebraico del 1792, già nota alla ricerca, riposa insieme a molte altre nei fondi Regia Aula Criminale e Imperial Regia Delegazione Provinciale dell’Archivio di Stato di Mantova. Ma anche nell’Ar­chivio storico della Comunità Ebraica.

C’è un libro che parla di questa vicenda  e si chiama, appunto, I settantacinque colpi. Lo abbiamo scritto a quattro mani con Giuliano Annibaletti. Viene presentato a Mantova, venerdi 12 verso le cinque e mezza di pomeriggio, all’Archivio di Stato in via Dottrina Cristiana 4.


Ritorna

ottobre 4, 2012

Questi paraggi da ormai quattro mesi sono deserti. Come un villaggio disabitato spazzato dal vento e attraversato da cespugli secchi rotolanti. Il padrone di casa qui si è preso una pausa. Tra un qualche giorno facile che torna e riparla dell’Archimista.


Anche quest’anno i contributi regionali.

giugno 6, 2012

Il titolo è piuttosto lungo e per esteso suona così “Invito a presentare proposte per la realizzazione di progetti di valorizzazione di biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale (L. 81/85) – 2012″.

In pratica è il consueto avviso per la erogazione dei contributi regionali che, con qualche variazione, si ripropone ogni anno. Non mi pare vi siano sostanziali novità rispetto ai precedenti.

Non commento la dotazione finanziaria per non intristirci. E comunque, saranno pochi ma almeno ci sono. Per ora.


Se il contenuto sarà all’altezza della cornice.

aprile 14, 2012

Come primo atto il nuovo direttivo di ANAI Lombardia ha realizzato il proprio sito. Luogo che svolgerà funzioni diverse ma complementari rispetto al forum. Evviva. Leggi il seguito di questo post »


Si è rinnovato, si è proprio rinnovato.

aprile 10, 2012

Alla presenza di una ventina di colleghi, taluni dotati di delega, si è celebrato il rito del rinnovo del direttivo.

Leggi il seguito di questo post »


Alle Stelline. Giovedì.

marzo 13, 2012

Mi accorgo di mancare da un bel pò di tempo. Comunque. Giovedì siamo tutti alle Stelline. Questo il programma. Leggi il seguito di questo post »