Il SAN, qualche prima impressione.

gennaio 5, 2012

Prima di tutto sottoscrivo le, pur provvisorie, opinioni di Federico Valacchi e condivido la sensazione che il lavoro da fare sia ancora lungo. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

L’ultimo regalo di Pino.

giugno 27, 2009

E’ un pò di tempo che non parlo di Pino da questo luogo. Il fatto è che ho aspettato che venissero a maturazione alcune condizioni. E ora mi sembra giunto il momento. Leggi il seguito di questo post »


“Questi non capiscono” e scuoteva la testa.

maggio 10, 2009

Ho già ricordato, mi pare, in un post precedente, che stavamo lavorando con Pino Scarazzini e altri baldi giovanotti di nobili ideali, a un censimento degli archivi comunali e fondi collegati. Pardon si dice aggregati, archivi aggregati. Leggi il seguito di questo post »


Ricordo di Pino. Il database prima dell’informatica.

aprile 9, 2009

 pagina

Riprendo il filo dei ricordi che mi legano a Pino Scarazzini. Non solo perché è stato il mio maestro, ma anche perché ripercorrendo il suo lavoro rintraccio la storia, recente, della nostra professione. Almeno qui in Lombardia, voglio dire.  Leggi il seguito di questo post »


In ricordo di Pino Scarazzini. Gli uffici e le persone.

marzo 5, 2009

Quella riprodotta qui sotto è la copertina di un volumetto dal titolo Notizie sugli archivi dei comuni e dei cessati ECA della Lombardia. I Provincia di Mantova. Gli archivisti più anziani se lo ricorderanno, credo. Il volumetto pubblica, con una veste grafica e tipografica assai spartana, gli esiti di un censimento dei fondi prodotti dalle amministrazioni locali della regione. Il progetto fu avviato nel 1982. Leggi il seguito di questo post »


Pino Scarazzini. Un archivista militante.

febbraio 17, 2009

Credo che, per ricordare in modo adeguato il contributo di Giuseppe, Pino, Scarazzini, alla conservazione e alla conoscenza del patrimonio archivistico lombardo, non basti andare a riprendere la sua, per altro non vasta, produzione a stampa. Era uomo tutto sommato avaro di parole scritte. Quando si trattava di consegnare alle stampe i suoi pensieri, soprattutto quelli di natura più teorica, è come se fosse trattenuto da una sorta di pudore. Leggi il seguito di questo post »


Pino.

febbraio 4, 2009

Ieri è stato il momento dell’ultimo saluto a Pino. Dalla casa di riposo, dove era da tempo ricoverato, alla chiesa di San Bernardino di Salò.

Magrissimo per la sofferenza degli ultimi mesi, composto, sereno, le mani incrociate sul petto.

Mentre lo osservavo per l’utima volta ho pensato a come avrei potuto raccontarlo a chi non lo ha conosciuto. Mi sono venuti in mente alcuni aggettivi: combattente, spigoloso, gentile un pò all’antica a volte cerimonioso, ma a tratti irriverente, beffardo, sempre tenace, grintoso, entusiasta e ancora affettuso, generoso. Pragmatico. Ecco soprattutto pragmatico. Se dovessi ricordare la sua opera di archivista ne sottolineerei il carattere di concretezza, di praticità, di efficacia. “Il meglio è nemico del bene” era il motto più ricorrente nei suoi discorsi.

Giuseppe, Pino, Scarazzini oggi avrebbe compiuto settantacinque anni. E’ stato il mio maestro di archivistica e questo non so se per lui valga come titolo di merito.

Comunque, come mio maestro, mi piacerebbe ricordarlo. Insieme a coloro che ne hanno condiviso il cammino. In questi casi si usa spesso ricomporre la biografia, raccogliere gli scritti, chiosarli, dare il tutto alle stampe. Credo si possa fare. Ma a me piacerebbe soprattutto raccogliere ricordi di umanità, episodi e pensieri.